Articoli

Tempo di chiudere per un po’…

Sdangher vi saluta per un po’. Ho deciso che è arrivato il momento di dare una ristrutturata e purtroppo richiederà del tempo tecnico in cui il blog rimarrà offline. Non è la prima volta che succede e di sicuro ce la farete benissimo a tirare avanti senza i nostri articoli. Nel caso vi stia venendo l’ansia a rimanere un mese senza leggere le nostre scemenze, vi garantisco che ne avrete con gli interessi alla riapertura, visto che almeno io continuerò a scriverne durante la ferma. Intanto, se avrete pazienza o una certa curiosità morbosa per tutto quello che faccio qui, posso spiegarvi cosa ho in mente per il futuro di Sdangher. Continua a Leggere

Articoli

Holy Legions – A proposito di certe fanzine e di certe riviste

Holy Legions

Questo è un articolo promozionale. Non vi dico stronzate, voglio che compriate Holy Legions perché ci  scrivo anche io, perché gli altri sono prima di tutto miei amici e perché ci ho messo dei fottuti soldi. Ma non solo. Se spenderete la paghetta per il numero zero, non ve ne pentirete. Voglio dire, a parte questo cavallo, gli altri sono ronzini che sanno il fatto loro (Marco Grosso, Manuel Fiorelli) e poi ci sono sgaloppatori che promettono bene (Simon Broglio, Pietro La Barbera). Non è tutto qui ma il numero zero si è riempito subito, quindi dovrete attendere l’Uno per sapere chi altri faccia parte della legione: vi assicuro che non sarete delusi. Continua a Leggere

Pascolando

Quando cambia il modo di leggere e ascoltare musica

Salve sdangheri, scrivo questo post non perchè abbia un urgente bisogno di dirvi qualcosa, ma per un urgente bisogno di farmi vivo. Sono qui. In questo periodo la stalla è un po’ deserta. Ruggiero Cavallo Goloso è molto impegnato con alcune sue cose personali e noi altri ronzini siamo presi da una serie di progetti su cui, per ora, non voglio dire granché. Sappiate solo che bolle in pentola una roba capace di stravolgere il futuro di Sdangher (si spera) in positivo. Continua a Leggere

Pascolando

Hard Disk Life – Riflessioni a caldo dopo aver perso 300 giga di memoria

hard disk

È molto che non scrivo nel blog, ma perché la mia vita questi giorni è un tale caos che neanche voglio raccontarlo. Il trasloco procede, il lavoro anche, ma il tempo libero essendo poco  me lo concedo per dormire o masturbarmi, o entrambe le cose contemporaneamente. Non è il massimo però quando ti risvegli.

Il caldo poi non aiuta la mia psiche.

Il Padre Cavallo mi ha detto “prenditi pure il tempo necessario” e così ho fatto, ma oggi mentre scrivo, qualcosa è accaduto; ma procediamo con ordine. Continua a Leggere

heavymmerda!

Heavymerda – Tra overdose di bacon, pornolicantropi e clown assassini da un altro mondo!

bacon

Vi annoiate e siete prigionieri in casa per colpa del malanno del secolo? Fate le ragnatele sulla poltrona, alla tivvù non trasmettono niente e avete finito di guardare anche i documentari noiosi? Non temete, ci siamo qui noi di Sdangher per occuparci del vostro benessere, con una bella carrellata di dischi da sconsigliarvi. Ebbene si, cari equinidi pandemizzati, arriva Heavymmerda, il peggio del peggio tutto per voi! Continua a Leggere

Articoli

W.A.S.P. In the RAW! – Riflessioni sull’Apocalisse Gore e i soli di Blackie Lawless

Ah, i bei tempi del PMRC, quando le mamme antirock, guidate da Tipper Gore eccetera eccetera… insomma, sapete alla nausea questa storia, no? Beh, inevitabile provare una certa malinconia perché allora il metal aveva questi problemi ridicoli, ma stava bene, era all’apice. Tutte le polemiche censorie favorirono i gruppi più o meno oltraggiosi, dandogli pubblicità gratuita. Però, come avviene sempre in America, qualcuno iniziò a minacciare di morte quegli attentatori della morale comune con gli spandex e così la faccenda precipitò in un delirio abbastanza serioso. Continua a Leggere

Pascolando

Perché scrivere ancora romanzi, saggi e recensioni dato che c’è l’internet e nessuno compra/legge più i libri e le riviste!

scrivere

Tempo fa ho scritto una roba in cui riflettevo sul triste e caotico avvenire degli scrittori, che fossero critici o anche romanzieri, costretti a traslocare come perenni sfollati da una piattaforma social scadente a una nuova arrembante realtà mediatica, usando criteri e mezzi tecnologici via via più frammentari, immediati e “fighi” e temperando il disagio, questi scrittori maturi, con la disperazione di non saper più ripigliare o afferrare almeno una volta, un pubblico sempre più distratto da quella che chiamo TPP: tecnologia presenziale passiva. Continua a Leggere

Articoli

Storia dei Life Sex & Death – The Gimmick Disaster

Barry Hardy, Duane Gill, Louie Spicolli; l’appassionato di fine ottanta dell’allora World Wrestling Federation avrà spesso visto questi sparring partner “mazziati” dai vari Million Dollar Man, El Matador o Barbarian. Le gimmick costruite a tavolino, erano state prima gioia e poi dolori per la compagnia di Stamford, soprattutto perché i novanta non avrebbero preso a schiaffi il solo glam e così, anche certi personaggi finirono frettolosamente in archivio. Sarebbe stato un valido precedente se solo i Life Sex & Death lo avessero considerato prima di far passare il proprio cantante per un senzatetto raccattato per strada… Continua a Leggere