Metal Is religion #5 Un Urlo!

 
Di seguito ecco una lista di ciò che sta girando ultimamente nel mio stereo:
non penso gliene freghi niente a nessuno, quindi senza scendere in inutili polemiche integraliste sul perché il metallo sia un genere da ricchi ed è stato un male che i villici abbiano imparato non solo a leggere e scrivere, perché ora devono sapere anche ciò che i nobili ascoltano?

Che la nobil classe elevata di zine rimanga chiusa nel suo castello invece di lanciare come perle ai porci ciò che più aggrada il loro padiglione acustico, poiché non è sui loro ascolti che io baserò le mie scelte musicali, anziché aggiungerei che questo genere d’articoli non m’aggrada affatto rubando utenza a veri luoghi ricolmi d’orgoglio o come piace dire ai giovani #SWAG, come twitter e facebook, patrie dell’orgoglio e invidia.
Diciamo no a quelle liste elettorali spacciate per articoli ove leggiamo solo i dischi ascoltati da qualcuno nel quale l’appassionato medio, simile a quello dei bar dello stadio s’accaniscono come sciacalli in un tripudio giovanile simile a quando anche noi ci scambiavamo le figurine con un freddo ‘celo,celo’, capace di riscaldarsi solo alla vista d’un assente.
Io dico no a false liste dove sono citate solo le ultime uscite che pur facendo cagare sangue all’orecchio di Phil Anselmo a cena con Prince vengono pronunciate come fossero album d’un reale valore.
(Ruggiero Musciagna)