Intervista a Venta Protesix

1 Direi che per dare un buon avvio a questa intervista, è giusto iniziare con una tua personale presentazione, che ne dici?

Non c’è molto da dire.
Sono una persona che passa molto tempo a casa, specialmente in bagno aprendo e chiudendo i rubinetti dell’acqua in continuazione.
Ogni tanto faccio dei rumori con il computer solo per cercare di non pensare costantamente alla masturbazione. Solo per evitare di commettere di nuovo l’errore di masturbarmi.
Negli anni ho prodotto decisamente tanta “musica” inascoltabile mettendo in campo tutte quelle che sono le ossessioni, i pensieri ricorrenti con cui convivo e che chiaramente mi tormentano.
Ho dato fastidio a molte persone, distrutto amplificatori e fatto quasi svenire/vomitare qualcuno durante i miei live. Penso che sia un risultato abbastanza soddisfacente, ma si può fare sempre di meglio.
Mi piacerebbe riuscire a fare “musica” per far litigare le persone, per portarli ad avere uno scontro anche violento (forse ci riesco, tu cosa ne dici?).
È una cosa carina secondo me fare rumori con il computer senza sapere cosa stai facendo, in realtà solo per rompere i gruppi, per evitare l’aggregazione.
Perchè hanno tutti paura di restare soli?
Perchè?

2 Più che chiederti cosa suoni, voglio chiederti perché appunto non suoni. Cosa ti spinge ad andare contro corrente. Quanta gente sopratutto poi ha il coraggio di rimanere vicino alle casse a sentirti durante un set, a parte il solito hipster saccente.

Non suono perchè non sono un musicista, perchè non so suonare niente.
Un giorno di molti anni fa senza avere una minima conoscenza dei software della composizione e di tanti fattori che nemmeno so come si chiamano ho aperto un vecchio pc pentium e magicamente ho iniziato a fare suoni.
Non chiedermi come ho fatto perchè non lo so davvero.
Quando ripenso a tutte le cose che ho prodotto fino ad oggi mi dico “Come ho fatto? Come ci sono riuscito?”. Ancora oggi non riesco a darmi una risposta.
Successivamente mi sono avvicinato a dei programmi come max/msp, programma che uso tutt’ora con una vecchia versione del 2007, e ho creato delle patches che oggi non saprei proprio ricostruire da capo.
A dire la verità quando “suono” live nella maggioranza delle volte i proprietari dei locali o delle strumentazioni su cui suono mi abbassano pesantemente perchè hanno paura di rovinare i loro preziosi impianti professionali e di danneggiare il proprio udito.
Di conseguenza non sono state molte le occassioni in cui ho potuto “suonare” ai volumi che prediligo purtroppo.
Il noise è gia di per se una musica noiosa e inutile come tutta la musica ma se poi viene fatta sentire a volumi bassi allora davvero non ne vale la pena.
Di persone che si avvicinano alle casse quando “suono” a volumi estremi non ce ne sono quasi mai.
Viceversa quando i rumori purtroppo sono sopportabili capita sempre che si avvicinino a me quelle persone odiose e sgradevoli con il cocktail in mano che si accarezzano la barba sporca piena di residui alimentari e che cercano di capire quello che sto facendo anche se in realtà se ne fregano altamente.
Se poi si avvicina qualcuno con una ragazza accanto e un calice di vino in mano allora spengo tutto e vado via.
Fermo il live. Stop.
Tutti dovrebbero farlo. Non capisco perché lo faccio solo io.

3 Ho visto tempo addietro il tuo live a Shinjuku con Necromist e volevo chiederti, come sono le ragazze giapponesi a letto?

Ragazze giapponesi? A letto?
Non sono mai stato con una ragazza giapponese, forse avrei potuto perchè qualcuna sembrava interessata a me, ma io non ho fatto niente.
In passato è capitato che qualche ragazza avanzasse delle attenzioni (a volte anche in maniera inequivocabile) di quel tipo verso di me, ma il più delle volte non capivo e se lo capivo scappavo oppure chiamavo qualche tizio in mio aiuto (che in realtà non aspettava altro) per cederle a loro.
Con il passare del tempo ho deciso di non avere una vita sessuale. Non me ne importa niente del sesso e non me ne è mai fregato granchè fin dall’adolescenza.
Lo eliminerei anche subito se potessi.
Anche per questo sono così ossessionato dalla masturbazione.
In fondo non vorrei masturbarmi ma poi finisco per farlo, come tutti o quasi, purtroppo.
Il problema è che poi una volta finito divento triste e vorrei non averlo mai fatto, ecco perchè questa cosa mi tormenta.
Del sesso non me ne frega niente ed è anche per questo motivo che ho difficoltà nei rapporti sociali.
Se ci pensi sono un finto maschio che non ha spinte o interessi verso l’altro sesso, che non esce per fare colpo sulle ragazze e di conseguenza nessuno si sente motivato ad uscire insieme a me.
Perchè se ad un uomo togli la possibilità di flirtare e di fare colpo su una ragazza e magari di farci sesso automaticamente lo uccidi.
Per questo nessuno in fondo farebbe un viaggio o una vacanza con me o ci uscirebbe il fine settimana.
Addirittura il mio desiderio sarebbe quello di evirare quanti più maschi possibili se potessi.
Magari dopo riuscirei a farci amicizia.
Sei sorpreso vero? Molto spesso le persone stupidamente pensano che io sia un erotomane o un pervertito. La realtà è che parlo di queste cose nei miei “lavori” perchè ne sono ossessionato e non posso fare a meno di pensarci e di cadere nella malattia, negli aspetti più morbosi, contorti e abietti della mente umana.
Ah, e ritornando al live di Shinjuku ti è piaciuto, sì? A volte penso “Ma se quel video si chiamasse Venta Protesix & Necromist live at Corso Vittorio Emanuele Salerno avrebbe avuto lo stesso “successo”?”.

3.5 Detto tra noi meglio un porno giapponese pixellato, o un pecoraccio di Jessica Rizzo? Anche se ti dico la verità, con la censura godi a metà.

Detto tra noi il porno io lo uso solo per masturbarmi più velocemente possibile.
Anche per questo motivo in passato scaricavo tantissima pornografia orientale da internet.
Se proprio devo masturbarmi allora devo farlo e riuscirci nel modo più rapido possibile così da non pensarci più.
Sono sempre preoccupato ossessionato da dove finirà il mio sperma, dalla sua traiettoria, inizio a pensare “Adesso dove sarà diretto il getto? Dove andrà a finire? Forse sporcherò di nuovo i vestiti o il pavimento”.
Potrei sporcare i cuscini o le lenzuola o qualche pagina di qualche libro che non ho mai concluso o la tastiera del mio pc.
Poi osservo lo sperma lo tocco sento da vicino il suo odore e mi domando perchè adesso resterà una macchia? Dovrò toglierla poi? Come farò a toglierla? Hai mai provato a mandare vie le tracce di sperma dai vestiti? Non vanno via molto facilmente. Molti dicono che basti solo l’acqua ma fidati non è così.
Io passo i pomeriggi in bagno a pulire pigiami e calzini colorati dallo sperma e molto spesso non ci riesco.
Fidati, non è facilissimo come tutti dicono, oppure sono io ad essere incapace molto probabilmente.
Una volta finito torno in camera e faccio ricerche sullo sperma.
Cerco “Perchè lo sperma lascia le macchie sui vestiti?”. È cosi che passo il tempo principalmente, altro che noise, altro che musiche estreme e personaggi maledetti e misteriosi dell’arte.
Le mie giornate le passo su siti per ragazze dove le adolescenti si domandano se possono restare incinta dopo aver masturbato il proprio ragazzo o come possono eliminare le tracce di sperma dai vestiti nuovi che hanno comprato il fine settimana in centro con le amiche del cuore.
Oltre a questo in passato fingevo di essere una ragazza su mIRC tutto il tempo e mandavo foto di ragazze che conoscevo (molto spesso con cui non avevo mai parlato), in costume o non, a dei tizi che poi mi facevano vedere come si masturbavano sulle loro foto.
Comunque no, non ho mai visto un porno di Jessica Rizzo.

4 Cosa disprezzi di più della cultura musicale nostrana?

E chi sarei io per disprezzare la cultura musicale nostrana? Io non ne so proprio niente.
Sì, è vero, ovviamente ci sono dei gruppi che non mi piacciono e dei cantanti che detesto ma perchè dovrei disprezzarli?
Quelli che vengono disprezzati perchè fanno musica commerciale e suonano ai matrimoni o alle comunioni in realtà qualitativamente sono di gran lunga superiori a quei “geni” delle musiche oscure ed elitarie che fanno i rumori con i pedali guasti, i software crackati o con degli strumenti elettronici costosissimi che ancora oggi non so a cosa servono e come si usano.
Sembra che la musica sia sempre stata una cosa seria, indispensabile per quelli che mi circondano, una cosa di cui non se ne può fare a meno.
Come ho già detto altre volte la musica per me è inutile.
Molti considerano questa mia idea come una cosa inaccettabile ma in fondo chi ha davvero bisogno di musica oggi?
Smettetela con gli ascolti impegnati e con la ricercatezza sonora per fare colpo sulle ragazze che frequentano le accademie delle belle arti o qualche istituto di design.
Non preoccupatevi, prima o poi riuscirete a fare sesso anche voi anche se siete davvero bruttini e fate cattivo odore.

5 Una volta mi hanno cacciato da un gruppo facebook perché non capivo niente di harsh noise wall. A te invece t’hanno mai cacciato da un locale?

Quelli che ti hanno cacciato da un gruppo harsh noise wall sono dei subumani.
A me invece non mi hanno mai cacciato dai locali perchè non ci vado quasi mai.
Spesso però quando “suonavo” da qualche parte è successo che il proprietario del locale se la prendesse con il tizio che aveva organizzato l’evento dicendogli: “Ma chi cazzo mi hai portato? Ma ti rendi conto? Così le persone stasera le mandiamo via invece di farle venire.
Come faccio con tutti quei ragazzi profondissimi e sensibilissimi che vengono ai concerti ad ascoltare musica elettronica sperimentale se poi ragazze carine non ce ne sono? Come facciamo?”.
Qualche volta invece mi hanno cacciato via dalle sale prove.
Appena sentono le cose che faccio mi urlano contro delle cose in dialetto salernitano poco gradevoli e mi invitano ad andare via.
Anche in Giappone insieme ad Hikaru Tsunematsu (CDR) rompemmo durante le prove dei SEGA SEGA SATO (il mio gruppo durato un giorno con Hikaru) un amplificatore.
Sì, doveva essere un amplificatore, almeno credo.
Il proprietario della sala prove deve esserci rimasto davvero male alla fine.
Una volta invece ho bruciato un finale (non so cosa sia un finale e a cosa serva, sia chiaro, ma gli altri mi hanno sempre detto che si trattava di un finale) e il proprietario della sala prove ha detto delle parole poco carine contro di me.
Potrei raccontarti altri episodi simili ma forse ti annoieresti, la lista è abbastanza lunga.

6 Il personaggio più strano con cui hai mai avuto a che fare; a parte l’illustre me.

Non frequento persone strane. La mia quotidianità è piatta e noiosa.

66 Quanto incide il rumore sulla tua vita sessuale.

Quale vita sessuale?

666 Un cavallo è per sempre?

seiseisei.