Articoli

L’arte cattiva e quella buona – Come distinguerle!

Due giorni fa ho finito di vedere The Lighthouse, secondo lungometraggio di Robert Eggers, di cui non voglio dir nulla. Questa non è certo una recensione. Cito il titolo solo per la cronaca. Da lì ho iniziato a riflettere su quanto oggi l’arte sia diventata innocua. Magari semplifico troppo ma credo che i film, i dischi, qualsiasi forma possa vestire la nostra creatività, siano sempre meno determinanti per la nostra esistenza. Continua a Leggere

Interviste Sdanghere

Intervista ad Animae dei Darkend: “Dove tu vedi prigioni inespugnabili io vedo sconfinati spazi aperti!”

Nelle tante peregrinazioni selvagge di Sdangher, Padrecavallo ha deciso di fare infine una visitina ad Animae, frontman dei Darkend. Si tratta di uno dei performer e delle personalità artistiche più intriganti della scena italiana. Abbiamo parlato di tante cose: Buono Legnani, Charles Manson, l’arte e il fonema, il cazzo di mia cugina, i vecchi film della Hammer e diverse altre robette molto sfiziose. Alla fine è venuto fuori un bel confronto senza peli sulla lingua che non fossero giustificati dall’amore per qualcuno o per il sesso orale in generale. E qui torna mia cugina. Buona lettura, neh?
Continua a Leggere

Articoli

Dave Mustaine – Quando i miti nascono!

Di Mustaine si è sempre detto tutto e il contrario di tutto. Dalla sua estromissione da quella band che sarebbe poi diventata la più grande e imponente Metal band mai esistita, il chitarrista ha fatto parlare di sé in maniera costante e non sempre le parole usate nei suoi confronti sono state lusinghiere. Di sicuro è un personaggio particolare, più unico che raro, una mente geniale e un musicista eccellente. Continua a Leggere

Editoriali

Essere artista metal oggi – La maledizione delle grandi ombre

“Decenni di pregiudizi e disinformazione hanno messo in cattiva luce
Il fenomeno metallaro presso il grosso pubblico
Troppo spesso il metallaro, colpito da questa bizzarra quanto innocua patologia
Ha sofferto dell’ostilità dei conoscenti
Quanto del discredito che certa cattiva stampa ha gettato sul simpatico capellone
(Acconciatura una volta abbastanza diffusa presso certe popolazioni)
Ecco che Max e gli Sdangheri dicono “basta” a questa criminalizzazione
E si propongono come ideali continuatori di un’usanza:
Il songwriting metal!”

No, non abbiamo solo voglia di giocare con uno dei testi più divertenti degli Elio e le storie tese ma l’intento di questa riflessione è chiarire un punto fondamentale ma spesso ignorato anche dai più illuminati giornalisti del settore. Al metallaro di oggi, a meno che non abbia i capelli tinti e un passato di un certo successo negli “anni belli” della nostra musica preferita, si chiedono cose alle quali non si pensava nemmeno “una volta”. Continua a Leggere

Articoli

Chi è il più grande truffatore metal del mondo ? Christian Felipe Paucar Toledo!

C’era una volta, specie nell’affollato sottobosco del metal estremo, magari quello più sconosciuto e dei paesi più poveri del mondo, una fitta rete di scambi di cassette, demo tapes e poi cd, perlopiù di black, death e grind. Le fanzine, fotocopiate alla meno peggio, veicolavano una serie interminabile di indirizzi e di contatti, di band, distro ed etichette, i cui nomi assurdi e bestiali, oggi sono quasi scomparsi del tutto. Tra gli anni 80 e fino alla metà dei 90, il tape trading era la spina dorsale dell’underground, il “social network” primitivo che permetteva la circolazione di registrazioni ultra amatoriali nel mondo, di band indonesiane, brasiliane, thailandesi, colombiane. Continua a Leggere

Interviste Sdanghere

Intervista a Dolore – Partiture per una casa stregata

Parliamo oggi con il tizio inquietante che si nasconde dietro al progetto Dolore. Immaginate un thriller soprannaturale all’Italiana, come se ne facevano ai bei tempi però (1971-1976), non le cose spompe di Argento/Avati che escono in questi ultimi anni. Pensate a una roba che riesca a mescolare sudori freddi e passi nel buio, incontri con spettri fatti grondanti ragnatele e ululati rabbiosi, strani figuri che si muovono dentro vecchie case abbandonate dove neanche i gatti e gli uccelli hanno la smania di entrare. Immaginate roba così, ok? Ecco, diciamo che la soundtrack per un film del genere ce l’avremmo ma il film vero e proprio, no. Potrà esistere nella vostra testa, se chiuderete gli occhi e approfitterete delle suggestioni di un disco come Fantasmi. Continua a Leggere

Articoli

BILANCIO DEL METAL DECENNIO – (terza parte) GENTE UN PO’ MENO VETUSTA

 “You call yourself a singer/but you look like Jerry Springer/ and your favorite band is Winger”. Già, eravamo rimasti agli Winger. Bersaglio facile nel dissing tra Fred Durst e Jonathan Davis giovani e rampanti nel 1998. Venti anni dopo, la legacy dei Limp Bizkit è oggetto di derisione non meno che quella del buon Kip, e l’ultima volta che ho visto Jonathan Davis in un festival era a cantare le sue lagne soliste a metà pomeriggio prima dei Pumpkins United. Continua a Leggere

Articoli

Quando il Trueismo si sposa con l’Ideologia – 10 casi di metallo politico!

ideologia

La cosa che mi ha più appassionato dell’universo metallico è sempre stata la totale assenza di tabù a livello tematico. Nel corso degli anni le nostre orecchie hanno potuto godere di una sterminata varietà di adorabili nefandezze che nessun appassionato di ogni altro genere musicale può vantarsi di frequentare. Si va infatti dagli episodi talmente splatter da divenire comici, agli assalti all’arma bianca verso le religioni, passando per droghe, guerre, violenze e depressione, in un gioco che spesso va al rialzo nel cercare lo shock e l’effetto (anche sgradevole) sorpresa. Tutto è ben accetto dagli adepti del sacro verbo metallico e niente può essere escluso. Proprio niente? Continua a Leggere

Articoli

La rinascita del vinile durerà oppure no?

vinile

Da un po’ di tempo a questa parte sento parlare con una certa frequenza della rinascita del disco in vinile, il cui mercato è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni facendo registrare numeri capaci di far drizzare le antenne anche ai pigri media nostrani, con tanto di approfondimenti e servizi dedicati nei principali notiziari televisivi. Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.