Editoriali Pascolando

GLI SDANGHERI DI SDENGHERE: Per par conditio, ecco a voi JOHNNY DEPP!

Care donnine, questo post è per noi. Siamo in minoranza lo so, ma sono sicura che ci siamo!
Secondo me johnny Depp è morto nel 2007, subito dopo aver girato Sweeney Todd: una roba tipo Heath Ledger, un avvelenamento causato dagli effetti combinati di sonniferi, ansiolitici e analgesici. Me lo vedo senza vita, a faccia in giu in una pozza di vomito, tutto nudo, con il bel sederone di faccia alla porta d’ingresso del suo appartamento. Dite che dopo ha fatto altri film? Ma siete veramente sicuri che sia lui?
Sto parlando seriamente. A me il dubbio è venuto, non tanto guardando Alice In Wonderland”, quanto trovandomi di fronte a “The Tourist”, remake del 2010 del film francese “Anthony Zimmer”. Il film non ve lo sto a raccontare, vi dico solo di NON guardarlo mai e poi mai. GIURATE!
Comunque il nostro Johnny ormai è grasso, inespressivo, piatto quasi come Angelina Jolie, coprotagonista in questo piattume denso come l’acqua di Venezia, l’ambientazione stereotipatissima dell’ultima parte del film. La nostra star non brilla più.Non c’è più il pazzo, aitante Jack Sparrow, dimenticatevi  Edward Mani di Forbice o Donnie Brasco. 
 
Il suo solito look zingaresco fatto di pendagli, foulards, abiti gessati e bracciali non fa che accentuare una condizione fisica di quasi-cinquantenne flaccido e svogliato. 
Forse è ora di ammettere a noi stesse che John Cristopher III Depp, il ribelle, l’anticonformista, uno dei nostri sogni più bagnati di sempre, se ne è andato. Non c’è più. Io preferisco pensarlo morto, piuttosto che rincoglionito e su di giri a volte, mezzo stecchito e soporifero altre. 
Fatemelo ricordare così, come ancora appare nelle mie (e sono sicura anche nelle vostre) notti agitate, bello e dannato.
 
(Mara Cappelletto)

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.