Il Manuale del Perfetto Pornografo

Anal Intruder – Consigli pratici per il sesso anale

anal

A pochi giorni del tanto discusso Family day voglio affrontare un argomento altrettanto spinoso per molte coppie eterosessuali. Sin dall’antichità, uomini e  donne di ogni età si sono dedicati a questa pratica. Questo non avveniva solo tra padroni e schiavi o prostitute, bensì esistono testimonianze di uomini  che inserivano i loro peni negli ani dei loro amici. La stimolazione anale infatti può essere rintracciata in molte culture e secondo alcuni antropologi essa fu anche la scintilla senza la quale non  sarebbe nata la democrazia.

Nonostante quindi sia una pratica vecchia come il mondo l’argomento rimane un tabù e quando decidiamo di provarci spesso cadiamo vittime di molti errori decidendo in maniera del tutto arbitraria che questo tipo di sessualità non fa al caso nostro.

Quindi, vista la mia scarsa se non nulla esperienza in materia, per scrivere questo post mi sono dovuta affidare a due esperte del settore:   la analtrician Anuska Pupugnova  e  la pussycologa  Samonga Pipitonga.

Si sono rivelate da subito molto disponibili quindi ho posto loro alcune domande elementari a cui hanno risposto in maniera esaustiva e descrittiva, non tralasciando alcun particolare. Ne è uscita fuori una discussione illuminante e esauriente che potrebbe essere utile a molti/e di voi.

  • Il sesso anale da effettivamente piacere o è un falso mito, una convinzione  psicologica?

S: Non è un falso mito, può essere molto piacevole ma naturalmente deve essere fatto nel modo giusto. È una parte delicata quindi va “preparata” , cioè lubrificata molto bene,  altrimenti ci possono essere irritazioni e poi a quel punto è ovvio che non piaccia. Quindi saliva va benissimo, altrimenti lubrificanti all’acqua. È importante anche che la donna  abbia veramente voglia di provare questa esperienza  o, nel caso in cui non lo sia, che l’ uomo  riesca ad incu…riosirla.

A: È davvero un piacere, ma è vero anche che la mente fa la sua parte. Quando un uomo e una donna praticano sesso anale, quest’ultima gli sta facendo un favore visto che non ci sono “organi sessuali” dediti al piacere nell’ano femminile. In un certo senso quindi la pratica del sesso anale in coppie eterosessuali spingerebbe l’uomo ad avere maggiore cura verso la donna, a una maggiore reciprocità. In un certo senso vorrà, ricambiare il favore. Questo, ovviamente, avviene alla luce del fatto che si presumere che la maggior parte di coloro che praticano sesso anale non si limitano solo a quell’atto nel corso di un rapporto completo.

  • Come ci si deve preparare ad un rapporto anale?

S:  Mi ripeto: il consiglio è LUBRIFICARE a bestia e giocarci anche.  Le mani aiutano molto perché si dilata come la vagina.  Ovviamente oppone più resistenza, ma una volta “preparato” a dovere il buco si rilassa.

A: All’inizio c’è bisogno di un plug con una punta più fine, più piccolo, quando poi il buco  si è abituato a quello piccolo si può passare a quello normale, che mano a mano userete principalmente. Quello piccolo verrà praticamente messo da parte, non ne avrete più bisogno perché il vostro ano sarà diventato molto elastico. Non dovete avere fretta nel momento di allargarlo. Scegliete un momento  in cui avrete tempo per fare una buona scopata e non una sveltina di 10 minuti perché, se non volete sentire male, ci vuole pazienza per allargare il buco.

  • Anuska parlaci meglio di questi plug.

A: Come dicevamo il buco va lavorato,  deve adattarsi,  è elastico, bisogna tenerlo idratato senza che faccia attrito, e va allargato con le dita, o con dei toys che si chiamano plug. Possono essere di varie dimensioni e aiutano il buco ad allargarsi pian piano. Anche Sasha e Belladonna li usano durante le loro chiaccherate prima di passare alla mazza da baseball. Ok, magari non raggiungerete fin da subito la dilatazione che permette a  Proxie paige delle performance che fanno rabbrividire qualsiasi altra sua collega ma, che cazzo, riuscirete sicuramente a apparire eccezionali al vostro uomo/donna/trans/animale a quattro zampe/mammifero/cetaceo ecc… Tornando ai plug, si trovano nei negozi online. Si possono usare sia per allargare il secondo buco per poi passare al fallo di carne oppure tenerlo lì buono e usare l’altro sulla parte davanti. Avendo già riempito la parte posteriore, la vagina risulterà più  stretta e quindi potrà dare ancora più piacere sia alla donne che all’uomo. Se invece restate sul sesso anale classico bisogna avere una gran cura non solo nella lubrificazione ma anche nella stimolazione vaginale e/o clitoridea.

 

  • Durante la penetrazione anale consiglieresti una stimolazione anche…sul davanti? o è piacevole di per se?

A: Senza la stimolazione vaginale la sensazione che si prova essenzialmente è la stessa di stare evacquando, ci può essere giusto qualche brivido, invece con un buon petting avrete le endorfine alle stelle. Quando ormai il buco si sarà completamente abituato non sentirete più nessun  dolore ma ne godrete soltanto di piacere, e dopo vi sembrerà di  aver fumato una canna, o per lo meno, a me succede.

S: A me dà fastidio se vengo stimolata con le dita, ma non mi dispiace la doppia penetrazione (un gioco davanti e lui dietro o viceversa). Aumenta sicuramente il piacere.

  • Quindi, a parte lubrificare e allargare, quale altro consiglio dareste?

A: Occhio al lubrificante che scegliete : alcuni frizzano, bruciano e ovviamente non sono adatti. Sceglitene uno a  base ad acqua (ma a me danno fastidio) o meglio olio di vaselina oppure tanta saliva.  Seconda cosa, la fretta è nemica dell’ano.  Non siate precipitosi, perdete tempo ad allargarlo, ad ammorbidirlo, a prepararlo. Ve ne sarà grato

S:  All’inizio fa quasi sempre male, ma dura pochi secondi. Lui deve stare fermo, aspettare che passi e poi è lei che dice quando continuare. Una volta dentro il dolore passa e diventa piacevole.  Se ti fa male aspetta, non farlo uscire, respira e dagli tu il ritmo:  deve lui seguire te.

6)Come e chi ti ha convinto la prima volta a farlo?

S: La primissima volta ero molto giovane, è stato molto dolce. Ma era dolce anche lui. Poi sono passati anni prima che mi venisse di nuovo la curiosità con mio marito.

A: Mi ha convinto il mio ragazzo, la prima volta  non mi piacque un granché ma non lo  sapevamo fare come doveva essere fatto. Poi, anni dopo lo sprimentai  meglio con un altro ragazzo: mi convinse perché aveva acquistato dei toys e diceva che avrebbe fatto tutto piano, stando attento a non farmi male. Il motivo per cui provare è il volersi bene nella coppia, ma la domanda esatta sarebbe perché NON provarci! Anche se per noi donne inizialmente  può fare un po’ paura certo non sentirete poi così male. Rilassatevi e pensate che più lo fate e più vi piacerà.

7)ma analmente parlando è meglio da dietro o da davanti?

S: Da dietro.

A: Le posizioni sono tante, sono tutte eccitanti secondo me. Anche sdraiati invece che a pecora è molto bello. Poi si può sperimentare: plug davanti+pene dietro, pene davanti+plug dietro. Le sensazioni sono molteplici e vanno esplorate tutte .

8) Cioè da dietro, andando più a fondo,  non fa più male?

A: Andando più  a fondo fa maluccio, però una volta che si è adattato perfettamente non si sente più male ma solo una bella sensazione

9) Che tipo di sensazione è? sapresti descriverla?

S: Difficile, non è come il sesso normale. Un inconveniente è che dopo un po’ sentì lo stimolo ma se ti sei liberata prima sai che è solo uno stimolo e poi passa. È una cosa forte. Io no, ma so di donne che hanno provato l’orgasmo anale. L’ano è dotato di innumerevoli  terminazioni nervose e quindi  molto sensibile alla stimolazione.

A: Inizialmente la sensazione è identica a quella di fare la cacca. Ma solo nel momento in cui deve adattarsi. Dopo è un dolore-piacere, non saprei descriverlo, non è più la stessa sensazione.. diventa quasi una specie di solletico-dolore-piacere e un sentirsi tremendamente porche. È  semplicemente diverso dal sesso vaginale, davanti è più da sveltina, dietro è più completo, preliminari più lunghi e più intensi.

10) Ultima domanda: pro e contro del sesso anale

A:   Innanzitutto è un ottimo anticoncezionale. Potrete tranquillamente fare sesso senza avere il timore di mettere incinta la vostra donna.  Aiuta a diminuire la stitichezza.  Come il sesso vaginale è un dolore-piacere, è un vero e proprio godimento a tutti gli effetti.

In genere si pensa che chi fa sesso anale ha più problemini di emorroidi ma non è così. Non dipende da quello, anzi, a me sembra che facendolo prevenga questi problemi, ovvio che se ce l’hai non puoi di certo farlo..

Ci sono anche i contro ovviamente!

Aumentano problemi eventualmente di coliche d’aria inizialmente, subito dopo l’atto e, ahimè, può succedere di non trattenere l’aria che fuoriesce, soprattutto se si hanno pesi addosso.

I più schizzinosi inoltre possono trovare un po’schifoso il fatto di sporcarsi le dita di cacca o di avere perdite di un mix di lubrificanti, saliva, cacca e eventualmente sperma su lenzuoli asciugamani etc., ma non preoccupatevi, potrete tranquillamente pulire, mettere in lavatrice, lavarvi, è tutta roba sana se siete persone sane. Riguardo alle perdite sulle lenzuola vorrei specificare che sono perdite che ci possono essere durante l’atto, voglio dire non è che la mattina ti alzi dal letto e hai scagazzato nel letto tipo mia nonna…

Un altro contro purtroppo è quello di avere infezioni: bisogna stare attenti a non toccare la vagina con le mani sporche o copulare biblicamente dopo averlo fatto analmente, semmai bisognerebbe fare il contrario. L’escherichia coli è un batterio fecale che provoca cistiti vaginali noiose, per cui meglio starci attenti.

Credo di aver soddisfatto la mia curiosità e spero anche la vostra. Se vi rimangono domande, dubbi, particolari richieste le nostre Anuska Pupugnova  e   Samonga Pipitonga saranno ben felici di darvi tuuuuutte le delucidazioni del ca..so

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.