Recensioni Supernatural Horse Machine

Bolgia di Malacoda 16

bolgia di malacoda

Ecco un’altra band con i controcazzi. Perdonatemi lo sboccaccio ma quando mi eccito divento volgare, mia moglie ne sa qualcosa. I Bolgia di Malacoda oltre ad avere uno dei nomi più fichi della storia del rock Italiano, non deludono nei contenuti. Qualcuno potrebbe gridare ai nuovi Litfiba e c’è chi già ha fatto uno sposalizio esaltato tra la band fiorentina e Il Teatro degli orrori ma io sarò il primo a dire che i Bolgia di Malacoda sono semplicemente i Bolgia di Malacoda, una nuova realtà fumigante, luciferina, pestifera, sensuale, grottesca e schiattatrice.

Sono di Grosseto e questo è il loro primo album vero e proprio dopo un EP molto appetitoso uscito nel 2013 e intitolato A un metro da Decebalo. C’è chi tira in ballo il post-punk e il black per descriverli ma non si finirebbe mai di fare la ricetta al contrario di questo intruglio lappante e agro. I Bolgia (mi permetto di chiamarli amichevolmente così) hanno una genetica difficile da scaglionare. Sappiate solo che dei Litfiba possiedono la primigenea capacità di assorbire il dark-rock inglese (in Italia l’abbiamo chiamato sempre così) e un tocco di dantesca confidenza con l’oltremondo. Il cantato di Ferus scandisce le parole con la stessa struggente dizione di De André ma le inbruna della chemica furia di Pierpy Capovilla e della gigionerìa baphometta di Pelù mentre le chitarre del Pacciani e del Papi sciorinano una perfetta sintesi tra l’alternativo e il metallo sodo.

In particolare ci riconosco molto gli Slayer del periodo Diabulus In Musica: c’è quel rifficidio lì, di quando Hanneman volle gettare il mutandone di sfida al volto sonnacchioso e gonzo del Nu Metal e farcì di groove i soliti fraseggi. Poi sì, c’è anche la plettrata sganga del black nordico e se volete pure le armonizzazioni alla Maiden, però i Bolgia fanno un polpettone tutto proprio e tirano dritto tra sarcasmi, irriverenza e maledettismo schietto. Provatevi il crooning mefitico di Bimba Mia, refrattario a qualsiasi tipo di romanza; oppure digeritevi la boria solforosa di Attent’al prete.

Sapete cosa, sono grandi questi qui, però li sento e talvolta mi struggo per il loro futuro, perché in Italia dall’essere la nuova covata malefica del rock satanesco a diventare i Negramaro dal futuro purgatoriale è un pizzico.

A presto, se sono così gentili da concedermela, ne riparleremo in un’intervista. Eccovi sotto la copertina del disco. Molto fica.

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.