Recensioni Supernatural Horse Machine

Ex Deo – Impero romano è metal!

L’impressione che ho avuto vedendo il clip di The Roman, credo sia più o meno lo stessa provata da un hobbit mentre sente un disco dei Blind Guardian o un demonio degli inferi che assiste a un concerto dei Mayhem: è un misto di incredulità, ilarità e imbarazzo. Maurizio Iacono, franco-canadese leader degli irrisolti Kataklysm, a un certo momento si lancia in una specie di monologo in italiano in cui vorrebbe esprimere la fierezza di essere romani (quelli dei bei tempi di Nerone e Caligola, non de Totti e Brignano, per intenderci) ma pare più un ultrà di Casal Bertone piazzato al centro di uno spot sulla campagna abbonamenti realizzato da Christopher Gans.

Eppure gli Ex Deo riescono a vendere a me, italiano laziale, un piatto de pajata. The Immortal Wars, terzo album in otto anni, è incentrato sulla guerra tra i cartaginesi, guidati da Annibale e il grasso, corrotto ma fortissimo Impero romano e se come produzione e suoni, il lavoro risulta un po’ troppo “ormonale”, musicalmente è il più convincente di tutti e per un motivo semplice: l’uso delle percussioni tribali in aggiunta alle chitarre moderne, le voci gutturali e i soliti sinfonismi hollywoodiani finiscono per creare un amalgama suggestivo e più attendibile del riuscito ma fittizio inciucio di musica etrusca ed egizia che, nei due lavori precedenti, voleva sopperire, come nei film celebri degli anni 50/60 girati dagli americani sul Tevere, una lacuna storica inevitabile: NON SI SA UN CAZZO SULLA MUSICA SUONATA E CREATA DALL’IMPERO ROMANO!

Qui ci sono infatti i tam tam della terra di Annibale ad aumentare verosimilmente la vertigine degli scontri grandiosi, delle imprese audaci (tipo attraversare le alpi in sella a degli elefanti giganteschi e poi morire di fame nelle campagne di Ladispoli). La carismatica furia del condottiero negro che non ci sta a inchinarsi davanti agli insopportabili e crudeli romani (e quasi gli fa il culo) è resa benissimo dalle urla di Maurizio. Pezzi come Ad Victoriam (The Battle Of Zama), The Rise Of Hannibal e Crossing The Alps dimostrano quanto sia ancora possibile realizzare con l’epic metal grandi cose, osando con audacia, sfacciataggine e amore profondo per quello che si vuole far rivivere. Quello degli Ex Deo è infatti un metallo senza complessi, fiero e borioso, ironico e sognatore. La lezione migliore per trascinar fuori i cuori dagli stretti sterni dei metallari nerd aggrappati alle loro tastiere resta infatti quella dei Manowar, non i Warlord o i Manilla Road, clonati da decine di micro-band retro-naive la cui forza lirica è pari a uno sbuffo di polvere su un vecchio vinile dimenticato.

Se vi piace The Immortal Wars, sentitevi anche il loro grandioso Caligvla del 2012.

 

 

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.