Editoriali Pascolando

Polvere alla polvere, cenere alla cenere, noia alla noia…

La musica è morta, lunga vita alla musica.

Scusate, stavo pensando all’ultimo post che ho scritto su facebook, perché per quanto odi il social network, amo condividere rare perle d’ignoranza e rimuginarci sopra, come quando ho rotto il cazzo a un amico chiedendogli la grande domanda del dì: ‘ma io e tu vediamo il mondo allo stesso modo?’ e non mi riferisco alle ideologie, la politica, interpretazioni e rapporti umani, ma qualcosa di più stupido e allo stesso tempo sensato possibile: i colori.

Perché io mentre scrivo vedo lo schermo bianco e nero, so che i colori principali che vedo sono il bianco e nero, so che se qualcuno fisserà lo schermo e gli chiederò ‘che colori vedi?’ lui mi risponderà bianco e nero. Ma sono lo stesso bianco e nero? Descrivetemeli questi colori, perché io non sono certo che il mio bianco e nero siano uguali ai tuoi. Ciò che io chiamo bianco può essere il tuo giallo, e la tua visione del mondo per me sarebbe come un quadro pop art, e vice versa, perché il cervello è solo un computer che assimila i dati attraverso gli occhi, quindi ricrea quello che è l’ambiente esterno, quindi io lo suppongo, ma non sono certo che quello che vedo sia reale, perché in fondo cosa è reale?

State leggendo queste stronzate sullo schermo d’un computer, ma siete certi le abbia scritte io? E io cosa sono? Un uomo chiamato cavallo o un cavallo chiamato uomo?

Più d’una volta si sono lamentati che ultimamente faccio solo foto mascherato, ma io rispondo che la vera maschera è quel volto che mi porto dietro ogni giorno, ma il mio vero viso è quello strato di lattice che copre quello di carne. Perché la finzione per me è più reale della realtà stessa, quindi cosa è reale?

Rapporti che nascono nella rete, e messaggi vocali mandati con distanza temporale diversa, come quelli tra me e padre cavallo, sono un vero dialogo? È una vera amicizia o frutto della nostra immaginazione?

Perché a volte mi sento come il gatto di Schrödinger. Quando io vivo, rinchiuso dieci, anche undici ore nel mio lavoro, il mondo attorno a me esiste? Esistono le persone con il quale credo d’avere un rapporto, o sono solo frutto della mia immaginazione?

O io stesso sono frutto dell’immaginazione di qualcun altro, muoio ogni sera che mi addormento e torno in vita ogni mattina che mi rialzo, mentre finti dati vengono archiviati ogni volta in questo hard disk a forma di cervello, fino a quando non sarà più formattabile e l’inesorabile mietitore mi getterà nella pattumiera?

Perché stamattina girovagavo per il cimitero, e non avevo paura di vedere tutti quei morti, perché sono uno zombie che cammina tra i suoi simili, solo che io la tomba l’ho rifiutata, fino a quando questa non reclamerà il suo occupante e io non avrò i soldi per pagarla.

Isolato, con le cuffie nelle orecchie, m’annoio, piscio nel bagno e penso ‘volevo farla su una lapide’.

Esco più scocciato di prima e mi chiedo se qualcuno si ricorderà di me. Cenere alla cenere, noia alla noia. Dati digitali che andranno persi col prossimo format del blog e anche questi miei pochi ricordi non saranno serviti a nulla.

Mi corico nella stalla che gli occhi sono pesanti e mi sono stancato di scrivere.

Ci si sente di nuovo, magari più tristi, con uno speciale più equino di prima.

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.