Recensioni Supernatural Horse Machine

Forbidden Rites – Pantheon Arcanum

Il mio piacere di recensire album come Pantheon Arcanum risiede nella scelta di non informarmi prima. Lasciare il proprio pregiudizio da parte e concentrarsi sulla sola musica, e non pensare alla nazionalità o lunga carriera della band in questione.

I Forbidden Rites sono al debutto o è il terzo disco? Hanno già suonato in altre band oppure no? E da che stato provengono?

E tra le cuffie il mio cervello li immaginava europei come pochi, contaminati dalla moderna musica. Alchimisti sapienti del black e del death, senza creare una miscela atta a scimmiottare la così detta old school.

Dopo un attento ascolto ho avuto  l’impressione che il disco trasudasse di occulto britannico a incominciare dalla cover. E forte è stato lo shock, prima di approcciarmi alla scrittura, nello scoprire invece che questi sono della terra dall’altra parte del muro.

E ben venga che i Forbidden Rites siano più dediti a società oscure, riti dimenticati, azioni compiute nel buio che neanche alla luna è consentito d’illuminare, di una setta massonica dedicata a un dio senza nome. Siamo stanchi dei parti cattolici e lovercraftiani, perché se è vero che il metal odierno deve molto a queste figure, è anche vero che ve ne sono altre che aspettano giusto d’essere riesumate dalla tomba.

E perché dovreste ascoltare quindi Pantheon Arcanum de i Forbidden Rites? Perché meritano.

Basta con sta gente che usa le capre nucleari in cover e incitano a un diavolo in cui più neanche loro credono. A ‘sto punto mi recupero tutta la discografia dei Destroyer 666 e vivo di quella fin che capro.

Il Messico è terra fertile per band black metal più di quanto vi abbiano insegnato.

Siate furbi, anticipate i tempi e quando il vostro amico vi titillerà le palle per l’ennesima volta mentre racconta di quella volta che è andato a vedere i Mgla del momento, voi ficcategli sto maledetto cappuccio nero in testa, ma come novelli narcos, lasciandolo chiuso in una cassa illuminata con Pantheon Arcanum come unico compagno di sventura.

Ti potrebbe interessare anche