Articoli La Truebrica del fantino

SPECIALE NECROPHAGIA – L’INIZIO DELL’INIZIO DELLA FINE!

necrophagia.jpg

I Necrophagia sono condiserati da alcuni sedicenti esperti come la prima vera death metal band della storia. Ovviamente è un’esagerazione. Sono senza dubbio dei precursori e vanno messi in elenco assieme agli Hellhammer, i Master, i Possessed e i primissimi Death, come esempi di proto-death metal. Prototoprototoproto. Quanto mi piace mettere la parola proto davanti alle cose: proto-scopata, proto-vaffanculo, proto-proto. Ci sta sempre bene, non trovate?

Comunque, quello in cui i Necrophagia sono davvero stati i primi (e non gliene viene riconosciuto il merito mai abbastanza) è l’aver introdotto brani di film horror nel metal. Oggi qualcuno potrebbe considerarli come emuli più estremi e gretti di Rob Zombie, ma loro arrivano prima di lui e il montaggio/sodalizio sonoro tra cinema di serie Z e musica hard dell’Hi-Tec Wizard è da ricondurre alla scalmanata e oscura band di Killjoy De Sade, anima e mente unica del progetto Necrophagia.

necrophagia.jpg

Frank “Killjoy” De Sade (R.I.P. 1966-2018)

Il disco che testimonia quanto detto sopra è l’esordio del 1987, Season Of The Dead.

necrophagia.jpg

questo qui!

Se musicalmente non ci spostiamo da un thrashettone più in linea con le asperità teutoniche rispetto alla scioltezza ginnica della Bay Area, a livello di testi siamo già proiettati oltre i muri di un vecchio cimitero olezzante, con i testi incentrati su tematiche horror sì, ma piuttosto infoiate, sadiche e mortifere, ripartendo con entusiasmo più o meno dove la rogna nichilista degli Slayer si era fermata.

Anche la voce di Killjoy è più estrema rispetto a una qualsiasi thrash band e, come nel caso di Jeff Becerra dei Possessed, il principale modello di riferimento non è uno screamer come Cronos o Tom G. Warrior ma l’attrice Mercedes McCambridge, indimenticabile e terrifica voce di Pazuzu, demone possessore della piccola Reagan McNeil in L’Esorcista.

Una volta concluso l’album, Killjoy è felice come un bimbo ma gli altri membri della band non tanto. Preferiscono mollare il progetto Necrophagia e dedicarsi ad altro. Così il pover De Sade è costretto a congelare la band e dedicarsi alle sceneggiature di improbabili e costosissimi film horror che non vedranno mai luce. Alla fine degli anni 90, grazie alla buona volontà di un fan illustre della band, Phil Anselmo, Killjoy riesuma i Necrophagia e non solo, il frontman dei Pantera decide anche di unirsi alla band come chitarrista, dando risonanza a uno dei nomi più oscuri della scena underground metal americana.

Il ritorno ufficiale è Holocausto De La Muerte del 1998, un lavoro che sorprende per freschezza, ariosità e potenza. Oltre alla componente brutale, ogni brano riesce a infondere un’atmosfera morbosa e inquietante che altre band cimiteriali hanno abbandonato in favore di una piatta predica di violenza e sadismo.

necrophagia.jpg

Holocausto de la Morte… uuuuuuuuh!

Non che episodi come Blood Freak siano passeggiatine in prati di margherite, ma al parossismo sanguinario di alcuni passaggi ultra-accelerati si alternano momenti più lenti e pregni di perversità e brama sanguinaria scatenata. Immaginate: la confessione di una creatura immonda che con voce fragile e smaniosa descrive con voluttà ogni azione disgustosa che il proprio istinto immondo la costringe a compiere. Cazzo, fico, no?

Altro elemento che spicca nella ricetta death di Killjoy è la tastiera, ispirata chiaramente ai modelli compositivi dei Goblin, Fabio Frizzi , John Carpenter: la Key è ingrediente fondamentale all’aria plumbea e rancida dei brani. È uno dei motivi per cui un disco dei Necrophagia pur essendo incentrato su un metal estremo dozzinale non annoiano mai. I brani sono ricchi di arrangiamenti, score di film, e ognuno di essi vuole trasmettere qualcosa di sinistro, malato, contaminarci con la paura e l’amore per il cinema horror più becero e intransigente.

Killjoy è un grandissimo fan di film raffinati come Rosemary’s Baby, ma il suo modo di omaggiarli è aggiungendo l’elemento carnale, splatter, sanguinario, fulciano, all’oscuro e tormentato tocco di Polanski. In Deep Inside, I Plant The Devil’s Seed “l’ inseminazione di sperma viziato, la carne vaginale contaminata conducono inevitabilmente al Vomito sul seno della donna che sta a cosce spalancate e partorisce il figlio bastardo senza luce”.

Ehm… Sarà la presenza di Anselmo ma nella rinascita dei Necrophagia di Holocausto… si aggiunge allo stile thrash/death qualche vistoso elemento groove e blues, con riff sabbathiani e da scapoccio. Cosa che non ritroveremo nel successivo The Divine Art Of Torture, dove l’amore di Killjoy per il black metal più nichilista e impenitente si fa sentire di brutto.

necrophagia.jpg

The Divine Art Of Coffin Joe!

Frank “Killjoy” De Sade, pur rimanendo un idolo del sottosuolo metallaro putrido e sconosciuto, si è tolto un bel po’ di soddisfazioni dalla rinascita dei suoi Necrophagia, finendo con la sua band sul DVD della riedizione di Cannibal Holocaust e avviando una collaborazione con Ruggiero Deodato per la colonna sonora del suo ritorno cinematografico.

Inoltre la band ha collaborato attivamente per i propri videoclip con uno dei registi più indigesti e intriganti dell’horror moderno, Jim Van Bebber (autore degli imperdibili corti My Sweet Satan e Roadkill – The Last Days Of Jim Martin), si sono fatti disegnare le copertine dal critico dei film che mordono, Chas. Balun (R.I.P.) e si sono persino messi a disposizione per la fantasia malata e scellerata dal grande regista José Mojica Marins, che del resto loro stessi hanno omaggiato con un intero album dedicato alla figura di Coffin Joe in The Divine…

I Necrophagia registrano ancora tre album, che in fondo aggiungono poco. Nel 2018 Killjoy muore per cause sconosciute, ponendo fine alla storia della band oltre che alla propria.

 

 

 

 

Ti potrebbe interessare anche