Pascolando

La sensibile intelligenza dei Social Network

Social Burning

Il rogo di Notre-Dame è la notizia del momento e i social (come per ogni evento social) manifestano dissenso, consenso, assenso e nonsenso, a seconda del tipo di tastiera e soprattutto del livello di intelligenza.

La sensibilità è intelligenza. Per essere buoni e capire gli altri occorre un cervello, anche se qualcuno tira in ballo il cuore. Ma non sempre chi rifiuta di capire il dolore e il dispiacere altrui è stupido, magari è solo stanco di tanto sentimentalismo mimetico.

Cosa è il sentimentalismo mimetico? Dire che ami qualcosa o qualcuno che non ami ma che amano gli altri solo per essere mescolato a quegli altri agli occhi… tuoi.

Il rogo di Notre-Dame è solo il pretesto del consueto carosello di reazioni social e cogliamo l’occasione, qui a Sdangher, per usare un tag gettonatissimo in questo momento (ROGONOTREDAME) e sentenziare con la spocchia un po’ nerd di chi ne sa a pacchi di esseri umani e può darwinarli di brutto con un elenco dettagliato.

Ecco a voi le dieci categorie emotive di facebook davanti a una chiesa famosa francese che brucia.

L’uomo dei Meme – Non si sa chi sia e quando li realizzi, è un po’ come il papà delle barzellette. Di sicuro è sempre pronto a piombare sul pezzo e veicolare il senso di cinismo, cattiveria, insensibilità di tanti utenti che non ci stanno a partecipare al piagnisteo concertato e vogliono ribadire la propria individualità smargiassata e disincantata, potente e gonzalica. Nello specifico di Notre-Dame, il Mem-man ha unito la presenza di Varg Vickernes in Francia, il film Lords Of Chaos, all’incendio della cattedrale. Da lì sono partiti meme in cui si ribadisce che è stato Varg, non è stato Varg o comunque siano andate le cose Varg Give An Applause!

Il condivisore compulsivo – Non ha mai dedicato più di un minuto dell’intera vita a Notre-Dame, ma questa news e il continuo afflusso di aggiornamenti lo inducono a condividere, a diffondere la cosa, guadagnando presto una bacheca super-informata su Notre-Dame e su Quasimodo, su Varg Vikernes e sulle tediose delucidazioni tecnico-balistiche, guardandosi bene dal leggerle, di ciò che ha causato il rogo.

Il sensibile all’arte che brucia – Non tollera che un patrimonio dell’umanità sia divorato dalle fiamme. Maledice il fuoco come invenzione dannosa e incontrollata e si interroga sul perché Dio abbia inventato un tale bastardo che infingardamente brucia pure la sua stessa casa.

L’insensibile – Non gliene frega niente della cattedrale e lo dice. Vuole che si sappia.

L’insensibile perché molto più sensibile – Dice di smetterla di piangere un cumulo di pietre e invece esorta a pensare alle tragedie vere del mondo, ai gattini vestiti con i pullover e ai montepremi mai distribuiti.

L’urlatore al complotto giusto – A morte i sionisti e il loro strapotere. Questo assalto a Notre-Dame gli sta bene. Dio merita un simile dolo!

L’urlatore al complotto cattivo – Sono stati gli islamici. Siamo tutti perduti.

Il NON condivisore – Non posta nulla su face, ma riempie i contatti di wazzap con audio infiniti in cui sentenzia su quanto siano stupidi e ignobili gli utenti facebook in merito alla tragedia incolmabile di Notre-Dame

L’antifrancese – odia i francesi e ben gli sta e ribadisce la stima per Salvini.

Il Je-suis sul pezzo – Ogni volta che succede una tragedia aggiunge un tag diverso al Je Suis. Je Suis Quasimodo!

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.