Articoli La Truebrica del fantino

Equilibrium – Metallo pagliaccio e inarrestabile!

equilibrium

Cari Equilibrium, che je possino! Tutte le volte mettono a dura prova la mia buona volontà di accogliere il cattivo gusto e le spericolatezze. La band tedesca non può andare a genio al metallaro integerrimo. Se ne escono con melodie che sembrano scippate a dei cartoni animati polacchi e talvolta rifilano mix di techno slovena e rimbrotti death vecchia maniera. Le tastiere poi sono più vicine al pop anni 80 e agli score di Sky Sport che il folk evocativo. Per intenderci, ascoltando Renegades ho immaginato più discoteche multicolori e cocktail strani trangugiati da squinzie con gravi deficit di sicurezza interiore che spazi infiniti, menestrelli in acido o suonatori di cornamusa posseduti dal demonio dell’innaffio urinario.

E il nuovo album degli Equilibrium, mescola la dance al metal estremo, la coralità birresca a Bonnie Tyler. Di sicuro è divertente, da spararsi a gran volume, ma è difficile lasciarsi andare completamente a questi brani senza la consapevolezza recondita che ci si sta divertendo a una festa bruciata e terribilmente scema e che nella vita potremmo fare di meglio, anche a livello di svacco e di spasso.

Questione di Equilibrium…

equilibrium

Prendete Hype Train o Himmel Und Feuer. Giorgio Moroder in ostaggio dei Finntroll finirebbe per produrre un armistizio simile. Poi magari ci sono momenti che coinvolgono e basta, come la cover degli Hooters, Johnny B. che è tozza e voluttuosa come un barattolo di Nutella. Oppure c’è il pogo selvaggio e irresistibile di Final Tear, però insomma… non si capisce, tra questi alti e bassi, quale sia la direzione degli Equilibrium. Talvolta sembra che puntino il disimpegno puro. Poi a momenti vanno verso un metal abbastanza serio e cazzuto e quando siamo lì pronti a seguirli verso il campo di battaglia ecco che sparano una parentesi rap con tastiere giappe che sembra presa da un album dei Linkin Park.

Eppure Tornado, non è malaccio. Inizia in stile Rammstein, ma si libra in una bella melodia power alla Edguy mentre l’iniziale A Lost Generation pure promette bene, anche se alla fine, ahinoi, il tema portante sembra il jingle delle Big Bubble di Fabio Rovazzi.

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.