Tutti gli articoli di

Francesco Ceccamea

Articoli

I Grand Magus e la fortificazione dello spirito

grand magus

Wolf God è un disco dei Grand Magus, uscito nel 2019 per Nuclear Blast.

It’s the grim, great god who will decide, who will decide, who will decide – A Hall Clad In Gold (Wolf God)

Prima parte – Le tre domande essenziali

Sono tre le domande che di solito vengono poste ai Grand Magus, in ogni intervista, quando che escono con un lavoro nuovo e iniziano il giro promozionale. Voglio soffermarmici un momento prima di parlare di Wolf God. Continua a Leggere

Articoli

Games Of Thrones 8 – Chi è che bussa al mio castello?

La seconda puntata dell’ultima stagione di Games Of Thrones commentata in anticipo sulla versione italiana da Simon Broglio.

Eccoci qui, la seconda puntata della stagione conclusiva del Trono di Spade è appena finita, la bellissima Jenny of Oldstones cantata da Florence and the Machines va scemando piano nel mio oscuro garage, illuminato, nel cuore della notte, dalla vecchia tv. Continua a Leggere

Pascolando

La sensibile intelligenza dei Social Network

Social Burning

Il rogo di Notre-Dame è la notizia del momento e i social (come per ogni evento social) manifestano dissenso, consenso, assenso e nonsenso, a seconda del tipo di tastiera e soprattutto del livello di intelligenza.

La sensibilità è intelligenza. Per essere buoni e capire gli altri occorre un cervello, anche se qualcuno tira in ballo il cuore. Ma non sempre chi rifiuta di capire il dolore e il dispiacere altrui è stupido, magari è solo stanco di tanto sentimentalismo mimetico.

Cosa è il sentimentalismo mimetico? Dire che ami qualcosa o qualcuno che non ami ma che amano gli altri solo per essere mescolato a quegli altri agli occhi… tuoi. Continua a Leggere

Pascolando

Jonas Åkerlund, Spun, le bugie e le verità!

spun

Spun è un film di Jonas Åkerlund, uscito nel 2002.

Jonas Åkerlund è il regista di Lords Of Chaos, esatto. Se c’è una cosa che mi ha sorpreso in positivo di quel film è la frase di lancio: Tratto da verità e bugie. Perfetto per definire il libro di Moynihan e Soderlind, un faldone di cronaca vera, vaneggiamenti artistici, dicerie e inesattezze che per anni è stato la base di ogni discussione sul black metal norvegese fuori da Oslo. Continua a Leggere

Recensioni Supernatural Horse Machine

I Periphery e il progressive evoluto

periphery

Pheriphery IV: Hail Stan è il nuovo album dei Periphery, uscito nel 2019 per Century Media.

Non mi piace la definizione di progressive evoluto. La trovo fuorviante e poco chiara. Ho capito cosa si intende ma non credo sia il giusto modo per definire i connotati di una band come questa. I Periphery secondo me non sono neanche progressive. Non lo è necessariamente qualsiasi cosa superi i 4 minuti e mezzo di durata. Continua a Leggere

la biblioteca di Chtulhu

Inseparabili e la storia dei gemelli Marcus, Ross e Mantle!

inseparabili

Twins, risale come romanzo al 1977 ed è scritto a quattro mani da Bari Wood e Jack Geasland. Dico “come romanzo” perché il film Dead Ringer, uscito da noi come Inseparabili, è girato dieci anni più tardi e basato su una rielaborazione del libro, sempre a opera dei due autori.

Bari Wood è autrice di altri libri interessanti, alcuni trasposti al cine (In Dreams di Neil Jordan è tratto dal suo Doll’s Eyes del 1993) ma la sua fama internazionale è legata a Inseparabili, l’unico lavoro scritto in collaborazione con un altro autore, Jack Geasland. Di lui si sa poco, e tutto sommato poco si vuol sapere. Bari è la scrittrice a cui vanno tutte le nostre attenzioni. Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

Giant – Time To Burn (Out)

giant

Time To Burn è un disco dei Giant, uscito nel 1992.

I Giant sono stati percepiti con un certo scetticismo dall’ambiente metallaro. Erano dei turnisti (session man, se preferite) che a un certo punto hanno deciso di fare un disco hard rock molto indirizzato verso l’AOR (e alle classifiche). Last Of The Runaways però non era un cinico prodotto commerciale (non solo). Era anche un capolavoro del genere, in un momento in cui davvero, nonostante la grande offerta di quel tipo di musica, c’era ben poco di interessante in giro. Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.