Tutti gli articoli di

Max Incerti Guidotti

Editoriali

Perchè abbiamo bisogno di odiare? L’odio si può fermare?

odiare

Tutti i giorni è la stessa storia, ci alziamo e, nel mondo, da qualche parte, è già successo qualcosa che suscita in tantissime persone un sentimento che sembra essere l’unica forma di carburante inesauribile in grado di far andare avanti il genere umano. Uomini e donne, divisi su così tanti argomenti, si ritrovano uniti spesso solamente per covare questa cosa che montiamo dentro e che dobbiamo buttare fuori, ognuno con la propria voce: l’odio. Continua a Leggere

Editoriali

Joaquin Phoenix (Joker) – Un discorso memorabile e l’Oscar dedicato a chi non ha voce

Il discorso con cui Joaquin Phoenix ha accettato il meritato Oscar come miglior attore protagonista per la sua interpretazione in Joker è uno dei più belli e importanti che siano mai stati fatti durante la celebre cerimonia di premiazione. Così rilevante, almeno secondo il sottoscritto, da meritare un articolo con una piccola riflessione e una completa trascrizione. Continua a Leggere

Editoriali

I giochi da tavolo e la loro ascesa – I board games ri-uniscono in una società che ci divide

board games

Poco più di un mese fa, nel classico periodo di riflessione pre-natalizia sui regali da fare, ho pensato bene di regalarmi un nuovo gioco da tavolo, quelli che una volta si chiamavano giochi di società (non necessariamente da giocare sul tavolo) o semplicemente board games. Non l’avessi mai fatto… Mi si è aperto un piccolo nuovo mondo davanti, quasi insospettabile per una persona cresciuta con le classiche partite di Natale con i parenti a Trivial Pursuit, Pictionary, Taboo o con le occasionali partite ad altri colossi del divertimento ludico come Risiko, Monopoly, Cluedo e Hotel. Facendo una piccola ricerca su internet nel tentativo di trovare il gioco da tavolo giusto per me, ho potuto constatare come i board games siano ormai arrivati a un livello spettacolare. Continua a Leggere

Editoriali

Essere artista metal oggi – La maledizione delle grandi ombre

“Decenni di pregiudizi e disinformazione hanno messo in cattiva luce
Il fenomeno metallaro presso il grosso pubblico
Troppo spesso il metallaro, colpito da questa bizzarra quanto innocua patologia
Ha sofferto dell’ostilità dei conoscenti
Quanto del discredito che certa cattiva stampa ha gettato sul simpatico capellone
(Acconciatura una volta abbastanza diffusa presso certe popolazioni)
Ecco che Max e gli Sdangheri dicono “basta” a questa criminalizzazione
E si propongono come ideali continuatori di un’usanza:
Il songwriting metal!”

No, non abbiamo solo voglia di giocare con uno dei testi più divertenti degli Elio e le storie tese ma l’intento di questa riflessione è chiarire un punto fondamentale ma spesso ignorato anche dai più illuminati giornalisti del settore. Al metallaro di oggi, a meno che non abbia i capelli tinti e un passato di un certo successo negli “anni belli” della nostra musica preferita, si chiedono cose alle quali non si pensava nemmeno “una volta”. Continua a Leggere

Editoriali

Le categorie dei metallari – I quattro gradi di separazione che ci dividono

metallari

Ci sono metallari e metallari. In questo articolo sulle categorie dei metallari, vorrei spiegare come molti metalheads, sotto sotto, aderiscano a una fascia specifica di metaller, ognuna con un suo concetto di metal, accompagnato a un certo status del tipo di band che si ama supportare, a sua volta accolta da un particolare riscontro di pubblico e critica ben preciso. Quando questi ultimi due elementi mutano, di solito in senso maggiorativo, anche la simpatia per quella formazione, sotto sotto può cambiare. Ma partiamo dalla prima tipologia che incontriamo durante il nostro viaggio nella mente dei metallari. Continua a Leggere

Editoriali

IL SANGUE NEL METAL – Tragedie, follie e furbizie unite da un filo rosso

sangue

Nell’Antico Testamento è scritto che “Il sangue è vita” ma sappiamo bene quanto sia vero anche il contrario: “Il sangue è morte”. Nel metal è sempre stato versato tantissimo sangue e questo soprattutto grazie a testi cruenti di battaglie o storie horror. Gli artisti che puntano anche sull’aspetto visivo delle loro performance il sangue ce l’hanno anche fatto vedere, con trovate scenografiche come il famoso sangue finto, di cui avremo modo di parlare in seguito. Ma con questo articolo vi vogliamo ricordare che è stato versato anche sangue vero per il metal. Oggi vi spieghiamo quando e da chi. Continua a Leggere

Articoli

Il metallaro prima dei social – Come si restava aggiornati nel “vecchio mondo”

social

C’era una volta il metallaro senza social quello che non era bombardato da news metal tutti i santi giorni, quello che al posto dei social aveva altri modi per tenersi anche solo un po’ aggiornato sulle notizie specializzate riguardanti artisti, dischi, etichette e concerti metal nel proprio paese. E vediamoli questi modi, ma prima di descriverli, è importante che, chi non c’era, capisca un punto fondamentale: una volta il metallaro non aveva l’heavy metal alla portata di un solo clic, a volte, anche solo per avere un’informazione, arrivare all’edicola giusta, o all’amato negozio di dischi che trattava pure quelli di musica heavy, chi viveva fuori mano doveva fare un lungo viaggio, quasi come una di quelle trasferte per andarsi a vedere uno dei gruppi preferiti. Credetemi, non ho ma avuto questo problema, ma conosco ragazzi che hanno fatto i salti mortali per restare aggiornati e comprarsi i dischi senza spendere a scatola chiusa, cosa che comunque si faceva a prescindere per i gruppi preferiti.

Ma dicevamo dei modi di restare aggiornati prima dei sociali, e allora vediamoli: Continua a Leggere

Articoli

ROCK THE CASTLE 2020 – 5 Motivi per cui ha unito il popolo metallaro italiano

L’annuncio dei primi e più importanti gruppi dell’edizione 2020 del Rock The Castle ha generato un’onda di consensi che ho riscontrato pochissime volte negli ultimi anni tra i metallari nostrani, noti da sempre per la loro esterofilia. Per una volta, sono stati pochissimi i pareri negativi dopo la pubblicazione del grosso della line-up, e al più hanno fatto stupore i tanti post di chi si chiedesse se il bill pubblicato su fb non fosse un ben costruito fake (come se fosse difficile verificarlo). No, Il Rock The Castle 2020 è una realtà e si preannuncia come una grande festa per tutti gli appassionati di musica heavy. Ho già speso grandi parole di elogio per la scelta delle band in un articolo su Loud and Proud ma anche nel solitamente più polemico e pungente Sdangher voglio fare ulteriori considerazioni per motivare il titolo di questo articolo e il fatto  che questo festival rappresenti pure un’iniezione di fiducia importante per la nostra scena metal. Siete pronti? Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.