Tutti gli articoli di

Pietro La Barbera

Fatal Report Interviste Sdanghere

Speciale Metal Conquest – Intervista ad Alicia Ratti – Orgoglio e passione al servizio dell’heavy metal!

L’ho atteso per mesi, un po’ per il desiderio di tornare a Roma e riabbracciare molti amici che per ovvie ragioni geografiche vedo di rado, un po’ perchè negli ultimi tempi, in Italia, i festival dedicati all’heavy metal tradizionale e rivolti all’underground, stavano pericolosamente scarseggiando. Il Metal Conquest era un’occasione davvero imperdibile e così ho affrontato la lunga trasferta, tornando a casa pienamente soddisfatto e con la speranza di non dover attendere troppo per rivivere una simile esperienza. Continua a Leggere

Recensioni Supernatural Horse Machine

I Gothic Stone e l’epicus doomicus italicus di Haereticus Empyreum

gothic stone

Lo ammetto: non sono molto attento alla rinascita dell’heavy metal che ha caratterizzato il nuovo millennio, pertanto le mie attenzioni sono generalmente più rivolte al passato, riservando solo a pochi intimi l’onore di entrare a far parte della mia collezione di dischi. Per una volta ho deciso di fidarmi, dando un’opportunità ai nostrani Gothic Stone, ma per una ragione ben precisa; infatti, il gruppo siciliano è la creatura di Salvatore Falluca: in assoluto una delle persone più esperte e competenti in ambito rock e metal che io conosca. Continua a Leggere

Articoli

La rinascita del vinile durerà oppure no?

vinile

Da un po’ di tempo a questa parte sento parlare con una certa frequenza della rinascita del disco in vinile, il cui mercato è cresciuto in modo esponenziale negli ultimi anni facendo registrare numeri capaci di far drizzare le antenne anche ai pigri media nostrani, con tanto di approfondimenti e servizi dedicati nei principali notiziari televisivi. Continua a Leggere

Articoli

I Camel e i metallari coraggiosi o del fatto che non si vive di solo heavy metal!

camel

L’heavy metal è una presenza quotidiana, costante e irrinunciabile nella mia vita, ma è soprattutto musica generata da altra musica, spesso ignorata da molti di voi per discutibili ragioni. In me si è insinuato nel tempo uno spirito avventuroso, che mi ha permesso di scoprire tanta grande musica, abbattendo inutili barriere culturali e stupidi luoghi comuni. Mi sono quasi immedesimato negli stessi musicisti che negli anni d’oro hanno fatto grande l’heavy metal, andando a ritroso nel tempo e rispolverando i loro ascolti giovanili. Un viaggio temporale che mi ha dato l’opportunità di scoprire correnti, stili, musicisti e dischi tanto straordinari quanto tristemente ignorati dalla massa o da un certo tipo di pubblico, oggi appannaggio di pochi intimi. Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.