Stai leggendo la Categoria

Metallo non Metallo

Metallo non Metallo Recensioni

King Dude – Parola di Lucifero…

king dude

Music To Make War To è il nuovo disco di King Dude, uscito per Van Records nel 2018.

Immerso in un simbolismo neo folk da cui, indolente, fatica a staccarsi, il luciferino King Dude decide di non scrivere più canzoni d’amore. Conscio della sua mortalità, che avverrà molto probabilmente prima del prossimo chorus; si veste di stracci purpurei e va alla guerra. Continua a Leggere

Articoli La Truebrica del fantino Metallo non Metallo

Solo una Therapy? – La Campagna d’Italia vent’anni dopo

Therapy? - the band

Lo stagista

⇢ Unbeliever

Sono gli anni 90 e di là dall’oceano quelli ai piani alti stanno tirando paccate di dollaroni dietro a chiunque abbia una chitarra appesa al collo. Quegli incompetenti della Geffen hanno fatto firmare certi cazzo di Nirvana convinti di racimolarci duecentomila copie ad andar bene e invece poi Butch Vig ci ha cucito sopra un discone pop della madonna e le cose sono andate fuori controllo.

I capoccia della casa madre — alla A&M USA — avevano messo le mani avanti con i Soundgarden qualche anno prima: non proprio la stessa cosa, ma finalmente anche quel gran Gesù senza posa di Chris Cornell e i suoi compagni di merende si sono convinti a sfornare un capolavoro da casalinghe come Superunknown e il conto in banca sta già dando i primi segno di orgasmo multiplo. Continua a Leggere

Metallo non Metallo Recensioni

STEVE HACKETT – Riccardoni di ritorno!

steve hackett

At The Edge Of Light è il nuovo album di Steve Hackett, uscito nel 2019.

Tormentata è la ricezione critica dei Genesis, differenziato il profilo pubblico dei loro membri più significativi. Peter Gabriel è stato a lungo il venerato maestro della ricerca musicale accessibile al grande pubblico e della world music umanitaria; Phil Collins il villain commerciale che in South Park si beccava la statuetta degli oscar nel culo; Steve Hackett quello rispettato nell’underground, il Jack Frusciante ante litteram che esce dal gruppo subito prima lo sputtanamento della fase American Psycho. Continua a Leggere

Metallo non Metallo Recensioni

Dawn of Ashes – The Crypt Injection II (Non Serviam)

dawn of ashes.jpg

The Crypt Injection II (Non Serviam) è un disco dei Dawn Of Ashes (2019), recensito da Chiara Pani con tutti i crismi.

L’aggrotech – ossia “aggressive techno” – è termine che, come ogni definizione, accorpa band in apparenza molto simili tra loro. In apparenza, poiché se si scava più a fondo, i tratti distintivi sono molteplici.  Kristof  Bathory (altisonante pseudo di Christopher Heath) è deus ex-machina dei Dawn of Ashes, ensemble losangelino formatosi nel 2000. Continua a Leggere

Metallo non Metallo Recensioni

Weezer e il loro perdibilissimo album di covers!!!

The Teal Album è il nuovo disco dei Weezer, una raccolta di cover uscita nel 2019, silurata dal nostro Alessio Mazzoni.

Confesso a voi lettori il mio senso di inadeguatezza. Sono stato anni a cercarlo girando tutti i negozi di dischi possibili, leggendo riviste, facendomi consigliare da amici, pagando il download di qualsiasi cosa sembrasse rock ma niente… non lo trovavo. Continua a Leggere

Metallo non Metallo Recensioni

A Journey To The Tangent! (Proxy album)

the tangent.jpg

I Tangent sono un super-gruppo progressivo con alle spalle una sfilza di album (dieci in quindici anni di vita). L’anima della band è nella carcassa adiposa del tastierista Andy Tillison. A lui si avvicendano vari vip e pimp della scena inglese impegnata, di cui non vi dico, perché tanto qui tutti noi ne sappiamo davvero poco di ‘sta gente (Flower Kings, King Crimson or something). Concentriamoci quindi sul disco Proxy e diciamo cosa ce ne è parso (Anche perché sentire gli altri nove titoli mi richiederebbe un paio di settimane e non ho tutto questo tempo). Continua a Leggere