Browsing Tag

fen

Furia Cavallo del Nord Recensioni Supernatural Horse Machine

Fen – A parte questo, validi, validissimi compositori!

the dead light

Ah, il black metal atmosferico. Non esiste nulla di più difficile da inquadrare, per me. Se da un lato si tratta di un sottogenere ormai codificato nella somma di black metal più post rock/shoegaze, dall’altro è diventato sempre più complicato fare convivere nello stesso calderone band che spingono l’acceleratore su una componente stilistica anziché un’altra. Questo ha portato a polarizzare a dismisura il mio gusto in merito, cosicché a fronte di band e lavori che mi piacciono parecchio (a proposito: recuperatevi il catalogo dell’etichetta Nordvis), ci sono cose che mi sono indigeste come poche, tipo i Defheaven o gli Alcest. Continua a Leggere

Recensioni Supernatural Horse Machine

Fen – Non voglio più sentir parlare di voi fino al 2021!

Il cantante e chitarrista dei Fen mi ricorda il papà di Marty McFly di Ritorno al futuro. Sembra una cavolata ma non è così, perché non riesco a smettere di pensarci e quindi finisco per immaginarlo, triste e spento, in versione post-tutto, mentre raglia al microfono di argomenti deprimenti tipo le odissee climatiche e io mi sento solo molto triste per lui, ok?

I Fen sono tristi. Lo sono nel modo sbagliato in un ambito metallico intellettuale in cui va bene lo sfavamento ma un po’ di figaggine resta fondamentale per non sprofondare nella melma nerd: vedi il leader degli Agalloch. I Fen non sono fighi. Sembrano tre professori senza cattedra spersi in un bosco della Svervegia in un mondo senza colore. Continua a Leggere

Furia Cavallo del Nord Recensioni

I FEN NON HANNO PAURA DI FARCI MALE – DUSTWALKER (2013)

 
I Fen sono lacrimogeni sonori che sfondano il fragile cristallo della nostra disillusione. La loro musica tende a stimolare così tanto l’animo di chi ascolta da stordire il più indefesso cultore del metallo canaglia, quello che ci gonfia di nostalgia fino a stenderci sul letto a inzuppare il cuscino. Non c’eravamo più abituati a un tale bombardamento rattristante, quasi truce, cruento. Questa è un sabba di pensieri malinconici e sospiri rachitici. Continua a Leggere
Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.