Browsing Tag

seconda parte

La Truebrica del fantino Recensioni

Forging The Elegy Of The Thousand Lakes – Specialone sugli Amorphis ! (parte 2)

 
CAPITOLO 3
Potrei sbagliarmi ma a me gli Amorphis hanno sempre dato l’idea di cantare la loro terra. Non intendo dire che siano folk, ma panici. Più folkloristici che folk, per chi coglie la sottigliezza e con questo non intendo sminuirli, sia chiaro. Al contrario, li esalto.
Il cantautore folk canta i piccoli aneddoti del popolino di provincia. Gli Amorphis cantano una terra vecchia come il mondo e le sue storie. La cosa è vera soprattutto oggi che hanno smesso di ricercare e si sono consolidati in una forma che, in qualche modo, racchiude in miracoloso equilibrio tutti i vari cambiamenti del passato. Gli Amorphis cominciarono imitando i Paradise Lost, si cimentarono nel progressive, lasciandosi influenzare non solo dalle band britanniche ma anche da realtà finniche sconosciute come Wigwam, Tasavallan Presidentti e Hednigarna: (questi ultimi sommariamente, i Dead Can Dance in chiave finnica). Hanno strizzato l’occhio alle istanze più immediate del revival stoner seventies e pasticciato la loro musica, con lo stesso candore dei bambini che giocano alle costruzioni Lego.E, proprio come quei bimbi, sono riusciti a concretizzare progetti che un architetto di grido può soltanto sognarsi. Continua a Leggere
Articoli Interviste Sdanghere

Signore e signori, Brian Yuzna – Intervista esclusiva (seconda parte)

brian yuzna.jpg

D: E credo che sia una delle ragione per cui il pubblico dell’horror attuale sembra poter assorbire la violenza di film come il remake di Evil Dead ma rimane ancora scioccato da film come Re-Animator, La Cosa o Society.

R: Si, è un aspetto strano ed affascinante dell’horror.

D: Tu e Stuart Gordon siete tra i pochi che siano riusciti a trasferire Lovecraft in immagini e carne, a partire da Re Animator, passando per Society fino a Dagon, che è eccezionale. Hai ancora idee su Lovecraft come autore o sulla letteratura horror e il suo rapporto col cinema?

R: Beh, Lovecraft sta diventando sempre più popolare quasi come PoeContinua a Leggere