Browsing Tag

storia

La Truebrica del fantino Recensioni

Speciale Monster Magnet! Vita, morte e resurrezione del mostro magnetico Dave Wyndorf.

1 – Inizia il viaggio

E allora il vecchio hippie alla consolle disse: “Hey, amico, questo è il ritorno del drug rock! Yeaaah”

Nel 1989 c’erano in giro solo band hair metal e thrash metal, ma la gente iniziava davvero a stancarsi di quella roba e le etichette erano in cerca di cose diverse su cui reinvestire. Dave non odiava gli anni 80, solo non li aveva mai capiti. Passava il tempo in qualche scalcinata fumetteria a leggere Flash Gordon oppure si passava e ripassava i primi due album degli Hawkwind o dei Sabs. Suonava con una insignificante punk band chiamata Shrapnel e ogni giorno si scervellava alla ricerca di una scusa per lasciarla e formare un nuovo progetto, più vicino alle sue esigenze artistiche. Per farlo avrebbe dovuto prima di tutto capire quali fossero queste sue benedette esigenze artistiche. Continua a Leggere

Articoli Le Sdanghere di Sdenghere

TARJA, BELLISSIMA, BRAVISSIMA, MA POCO CORAGGIO!

  Ma quanto è bella Tarja Soile Susanna Turunen Cabuli? Ma quanto è brava Tarja Soile Susanna Turunen Cabuli? Avrebbe potuto tranquillamente fare l’attrice o la modella e nessuno avrebbe potuto obbiettare un’acca. E però la figlia di Kitee (ridente cittadina situata nella Carelia settentrionale, nota per ospitare la più grande e antica foresta di betulle e larici di tutta la Finlandia – e su Wikipedia c’è scritto, testuale: “È la cittadina natale della band metal di fama mondiale Nightwish“) ha ricevuto in dono da Madre Natura una voce sublime, e il suo primo pianoforte a 6 anni.

Continua a Leggere
La Truebrica del fantino Recensioni

BOTTIGLIATE! CRADLE OF FILTH – SECONDA PARTE

quando eravamo cyberpunk

Eravamo arrivati a “Midian”. Già nel titolo è un omaggio a una delle menti creative che più hanno ispirato i Cradle Of Filth, Clive Barker. Mi piace molto che questa band abbia fatto tesoro degli insegnamenti del papà di “Cabal” ed “Hellraiser”. Non è un caso che tra le partecipazioni straordinarie ci sia anche Doug Bradley, alias Pinhead.  Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

GLI SPECIALI DI SDANGHER – Flotsam & Jetsam

Dici Flotsam e dici Jetsam … “Ah si, ‘Doomsday For The Deceiver’ e ‘No Place For Disgrace’ sono due dischi mitici, peccato però che poi….” Poi cosa?! La vogliamo smettere con questa storia che tranne quei due dischi editi nel pleistocene i Flotsam & Jetsam non avrebbero pubblicato altro di interessante? Questo è un articolo schierato a difesa e supporto della band, cristallino, dichiarato, leale nel suo obbiettivo. Al netto del “de gustibus”, come è nato invece il luogo comune opposto e contrario che i Flotsam siano una band marginale e spelacchiata? Continua a Leggere
Recensioni Supernatural Horse Machine

BARONESS THE METAL BAND

 
Uno degli album metal più belli in assoluto dell’anno appena trascorso è “Yellow & Green” dei Baroness. 
Come dite? Ah, non è metal? Beh, vi sbagliate, cari miei. 
Perché Rientra nell’appassionante categoria metal: “dischi non metal di band metal”, che per quanto possa farvi storcere il naso, è sempre meglio della categoria “dischi metal di band non metal”: di questi ne volete alcuni esempi? “Terremoto” dei Litfiba, i due lavori dei Tim Machine, il primo album di Gene Gnocchi, quasi tutto quello che hanno fatto i Good Charlotte e i My Bloody Valentine… insomma, devo continuare o vi basta? Continua a Leggere
La Truebrica del fantino Recensioni

PASSEGGIANDO PER I CIMITERI CON GLI ENTOMBED

Mi ricordo la prima volta che riuscii a rimanere in piedi davanti alla tv fino a mezzanotte senza che mia madre mi rompesse i coglioni. Era per vedere la trasmissione di Videomusic dedicata all’heavy metal. Non si chiamava ancora “Sgrang”, ma “Hard ‘n’ Heavy” e come sigla aveva “Jesus Christ Pose” dei Soundgarden mescolato con l’inizio di “The Unforgiven” e, anche se non sembra a dirlo così, era proprio una ficata.  Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

HAMMER OF MISFORTUNE SUONANO PER LA GENTE MORTA

Gli Hammer Of Misfortune io li ho trovati nel mezzo di un elenco di band venute da poco alla ribalta, che dovrebbero ripescare molto dal passato dell’hard & heavy e riproporlo in modo fresco e intelligente: cosa che gente come Hammerfall e Primal Fear non hanno mai cercato di fare. Li ho anche ritrovati in un’intervista ai Christian Mistress, quando la simpaticissimevole Christine ha raccontato di averci diviso il palco per una serie di concerti.  Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

VIRGIN STEELE E IL PIZZAIOLO FOLLE (seconda parte)

Bei tempi… certo non c’è più molta fica nel rockenroll, solo un sacco di gente puzzona con la barba lunga e le toppe al culo.

E così i gruppi mediani furono tutti costretti, non solo a pagarsi i dischi da soli senza il minimo aiuto dalle case discografiche, ma anche a distribuirseli. I concerti, le vendite, tutto il guadagno serviva a fare un altro disco. E avvenne questo negli anni 90, ogni album di una band cresceva qualitativamente rispetto al precedente ma solo grazie al lavoro della band. Non c’erano più morti per overdose, almeno in campo metal melodico. Erano tutti austeri, a dieta, pensavano solo a fare un altro album. Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.