Articoli Wasted World News

Speciale Romero: Empire of Dead letto da Ruggiero Musciagna #1

http://anythinghorror.files.wordpress.com/2013/12/empire-of-the-dead-banner.png?w=640&h=392&crop=1Ok, no. Romero s’è mangiato la foglia e credo che mentre se ne stava lì a rosicare sull’ottima sorte di una nota serie televisiva  sia caduto pure parte del cervello sopra al tronco dell’invidia e se lo sia ingoiato e ora pensa col culo. Qualcuno ricorda la scenata che fece su Walking Dead? Che non voleva fare più film sugli zombi? Che la scena è satura di mostri putrefatti?  Ma guarda un po’ però a Georgy che corre felice sul prato gli si sono fatti gli occhi a forma di dollaro quando la Marvel, che poi a sua volta diventa Disney, gli ha offerto chissà che gruzzoletto per scrivere la sceneggiatura del seguito de La notte dei morti viventi. Sì, avete capito bene: IL SEGUITO. In un universo lontano La terra dei morti viventi non è mai stato pubblicato. Il popolo ringrazia. Qualcosa andava fatto.

SL– Georgy senti bella li, ma che ne dici di farti un tiro di cannone qui col bongherino deluxe degli Obscura?

GR– Ma va la Stan, che devo finire la stesura del primo capitolo della mia nuova saga. Sai no quel fumetto lì, Empire of the Dead.

SL– E, ma quando stavi con Dario a Roma le piste te le sei fatte.

GR– Su due bionde del Guatemala. Lo ripeti ogni cazzo di volta e comunque le sue piste erano meglio di quella roba che tu chiami erba. E ti ricordo che è stato grazie alla terza con Barduska che mi so’ tirato fuori l’Alba…

SL– Dei morti viventi, mentre lei ti stava facendo un sorchino nell’autogrill. Cazzo, pure te però sei ripetitivo. E va la vecio, che quanto vuoi ti resti da vivere, no? Fatti un bongherino, che tanto passa tutto Mikey Mouse.

Romero fissa male Stan, ma cede al lato oscuro della forza.

*3 bong dopo*

SL– E quindi ti stavo spiegando Georgy che oltre gli zombie vanno di moda i vampiri da quanto è uscito Twalet.

GR– Chi? Quell’obrobrio che piace alle fighette di 13 anni che si masturbano sui poster che poi a 16 finiranno su MTv per spiegare ad altre bambinette come non farsi mettere in cinta in disco?

SL– Sì, proprio quello. Te chiamala porcheria, ma chi l’ha ideato naviga nell’oro. Te invece cosa hai fatto? ‘Na beata minchia. Hai creato il mostro più sputtanato del XXI secolo e il massimo che fai è startelo a menare perché Walking Dead rulla più dei tuoi film agli eventi comics.

GR– E che ne sapevo io? L’avessi saputo prima l’avrei chiamato io a Bred Pitt per farmi un bel film contro gli zombie, così magari l’isola dei sopravvissuti mi veniva meglio. Anzi dovevo chiamarlo prima.

SL– Va la vecio ascolta me…

*5 Minuti dopo*

SL– …e mentre lo zombie intelligente vaga nelle fogne, trova un vampiro stereotipizzato, nipote del sindaco, che quando il lettore lo vede urla ‘aaaaaaah, ecco perché aveva la benda a monocolo’. Credimi, il pubblico apprezzerà. Sopratutto le bambine. Loro amano i vampiri.

GR– Dici che funzionerà? Le fighette mi cadranno ai piedi? Mutandine comprese?

SL– Tutte le fighette, comprese le bambine delle scuole giapponesi. Ho mai sbagliato? Io sono HULK.

Questo è come credo sia nato questo nuovo fumetto di Romero. Ho letto solo il primo capitolo e… no davvero niente spoiler. Il disegno e di tale Alex Maleev. Chi? Beh si fa gustare nelle sue prime 30 pagine interamente a colori. Troppo poco per dare un parere però posso dirlo: Mi sta anche bene che la protagonista è sorella dei due del suo primo film, la bionda e il coglione. E mi sta anche bene che magari gli zombie potrebbero avere ancora un senso d’intelligenza emotiva recognito. Ok, che appare una swat zombie non cannibale capace di comunicare. Ci passo tante cazzate da quell’imbuto, ma solo una proprio non la reggo: Che cazzo ci metti a fare un cazzo di vampiro vestito come un Dracula uscito male?

(Continua…)http://cdn.bloody-disgusting.com/wp-content/uploads/2013/12/Empire_of_the_Dead_001_Preview_4.jpg

Ti potrebbe interessare anche

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.