Browsing Tag

dream theater

La Truebrica del fantino Recensioni

Dream Theater – Fate pace con Portnoy e litigate con LaBrie!

Distance Over Time è un disco dei Dream Theater uscito a Febbraio 2019

Questo è uno sporco lavoro, ma qualcuno lo deve pur fare. E puttanaccia vacca tocca farlo a me, che son già pieno di problemi. Bene, ora i miei problemi saranno controtempati in 7/16.

Si perché sai com’è, quando si parla di Dream Theater son sempre cazzi; cazzi col tapping a due mani.

Nel 2019 sono esattamente vent’anni che ascolto ‘sti smanettoni e sono letteralmente passato dal farmeli piacere, ad amarli, a idolatrarli, al “vabbè, siete sempre nel mio cuoricino, però a ‘sto giro passo”, al rigonfiamento testicolare, fino ad arrivare al “ve possino mortacci vostra, voi, quel cazzo di ipad che fa gli assoli, le suite da 34 min, sto cojone che canta… pure tu muto nippone cazzo c’hai da stare zitto!?!?””.

Che palle. Continua a Leggere

Editoriali Pascolando

Entomologia metal – gli antipatici!

Se per una volta ci astraessimo dal contesto tutto borchie e amplificatori a manetta, e guardassimo all’universo rock metal con scientifica obbiettività e distaccata laicità, si dovrebbe convenire che la musica “that we all love” (e che non è su Vergin Rediouuu) pullula di sboroni, strafottenti, egomaniaci, fermi all’adolescenza. Ad alcuni molto presto è esploso il successo tra le mani, e ciò ha causato un mancato sbocco del’età puberale nella maturità; ad altri il successo magari manco è mai arrivato, ma il loro autocompiacimento è stato tale che ne hanno vissuto e mangiato, a prescindere dal popolo bue che non ne ha capito la grandezza. L’antipatia è una roba molto metal.

Non si tratta di dare un giudizio di merito sulla loro caratura artistica perché, spesso e volentieri, persone sgradevoli hanno prodotto musica eccellente, evidentemente l’ispirazione prescinde dal carattere e dalle qualità umane; la storia del rock è piena di brutti ceffi e stronzi patentati che hanno deliziato le masse con il proprio innegabile talento. Inoltre c’è una componente strettamente soggettiva da considerare, ovvero che un tizio che sta antipatico a me sta invece simpatico a te. Tendenzialmente però si può dire che alcuni individui raccolgono perlopiù consensi o dissensi (sempre di empatia personale sto parlando, non di qualità musicale). Ronnie James Dio, Chuck Billy, Chuck Schuldiner, Lemmy, ad esempio, sono generalmente ben visti, eroi della causa; e sai invece quanti hanno in spregio Steve Sylvester, Chris Barnes o Ozzy Osbourne, per dire? Continua a Leggere

Articoli Wasted World News

Wasted World News – Il meglio del peggio dal mondo del Metal!

1 – Da lunedì 20 gennaio su Skeletonwitch.com sarà in vendita un’edizione limitatissima a 10 copie in vinile dell’album Serpents Unleashed degli SKELETONWITCH. Il ricavato di questa vendita andrà in beneficenza al The Athens Webzine Metal Humane Society per tutti quei poveracci che sgobbano gratis per la bella faccia dei soliti noti. Di’ anche tu NO allo sfruttamento del webzinaro metallaro! Fermiamo questa piaga con gli Skeletonwitch. Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

Fates Warning – La band che inventò i Dream Theater e poi morì di fame (prima parte)

Per chi li conoscesse attraverso uno degli ultimi, sporadici album progressive, sarebbe un po’ sorprendente vederli alle prese con il metallo epico e baldanzoso degli esordi, quando addirittura c’era qualche giornalista (con evidenti problemi etilici) che li definiva i nuovi Iron Maiden. Oggi le cose sono così diverse che la critica più lucida li chiama i “vecchi” Dream Theater e molti fan della band di Portnoy e Petrucci li ha scoperti perché soprattutto il batterista, ai tempi di Images And Words inviava dei complimenti formato bengala in direzione del gruppo di Matheos. Continua a Leggere

La Truebrica del fantino Recensioni

L’ultimo dei Dream Theater by Frank!

Allora è appena uscito l’ultimo album degli smanettoni più famosi del pianeta metallico e, secondo fonti istat, il 68% di chi li trova il “Lars Urlich” dei gruppi prog ha già preso ferie per rinchiudersi in casa ad ascoltare ripetutamente il ciddì per poi sfotterlo con gli amichetti ai giardinetti il pomeriggio mentre portano fuori il drago sputa fuoco a far pipì e ritirare il chiodo ed i pantaloni di pelle in tintoria. Sì perché ormai è chiaro il fatto che i drim tiater stanno sul cazzo a parecchia gente, forse pure alla Mafia, sicuramente a quelli di Emergency dato che con le note di un assolo di Petrucci ci sfami un villaggio dello Zambia. Tant’è che pure il SubZero dei poverissimi Adam Kadmon ha intenzione di farci una puntata speciale di Mistero in cui vengono associati alla massoneria, agli illuminati, alle scie chimiche e all’abbronzatura di Carlo Conti. Continua a Leggere

Iscriviti alla Mailing List di Sdangher
Inserendo la tua email, acconsenti al trattamento dei tuoi dati personali.